Finalmente trovo lo spazio più adatto per scrivere questo post. Dopo 5 anni di pubblicazione di vari siti personali e non, relativi alle mie attività, eccomi sul blog del mio sito personale. Il posto giusto è quando ti senti a casa, quando senza alcuna fatica ti lasci andare al flusso e qui è così!

Mentre scrivo immagino chi potrai essere tu e cosa ti porta a leggermi. Mi chiedo perchè e lascio aperta la porta delle possibilità, ripromettendomi di non fare correzioni a questa scrittura. Se siamo qui è perchè abbiamo fatto il possibile per incontrarci, se non scrivessi magari non sapresti che esisto e se commenti o mi contatti saprò chi sei e questa connessione chissà quanto ci darà che ancora oggi non possiamo immaginare!

Proprio questa dinamica è ciò che ha caratterizzato la mia vita. Come quella di tutti d’altronde, ma quanto ne sei consapevole anche tu? Le scelte fatte o non fatte in un determinato momento possono rappresentare le direzioni che prendi nel percorso di vita che fai. E se vado a ritroso, partendo dal momento attuale, rivedo nitidamente tutti i “cartelli stradali” che segnalano le svolte da scegliere. Sino ad arrivare a quella più lontana nel tempo, che mi ha fatto diventare Francesco, figlio dei miei amati genitori.

Oggi sono una persona che ha abbracciato il suo miglior futuro, quello a cui ho voltato le spalle per molti anni. Fin quando un giorno, durante una costellazione familiare, ho potuto riconoscerlo e guardarlo con onestà ed emozione. Da allora ho avuto la fortuna di incontrare sul mio percorso tante persone preziose.

Un percorso psicoterapico mi ha aperto la porta delle Costellazioni Familiari Sistemiche. La mia prima esperienza costellativi è stata facilitata dalla mia psicoterapeuta, in un giorno di gennaio a Milano. Non avevo idea di cosa fosse, come funzionasse. Mi ritrovai con un gruppo di estranei a dire poche parole sulla mia storia e subito dopo iniziò la rappresentazione di quello che portavo nel cuore. Fu una serata memorabile per me! Così iniziai a frequentare il percorso per diventare facilitatore a mia volta. Anni di assidua pratica e teoria a Milano con compagni di viaggio eccezionali e maestri speciali.

Io ed Elena nella sua casa di Priscopio, vicino Tropea in Calabria.

Un giorno di maggio del 2016 ho incontrato una persona che mi ha insegnato moltissimo negli ultimi due anni della sua vita, la formatrice Elena Franzini. Ci siamo frequentati per lavorare su progetti europei, per organizzare workshop in natura, per fare insieme un viaggio in Croazia, per condividere pensieri, teorie e punti di vista. Nonostante sia scomparsa da poco più di un anno, lei continua ad essere una presenza saggia e imparziale che mi guida ogni volta che ne sento il bisogno. Da lei ho ereditato la guida dell’associazione Aura Sviluppo Sostenibile e soprattutto ho appreso il rispetto e l’amore profondo per la natura, la capacità di sospendere il giudizio, l’espressione autentica del mio essere, la libertà dell’anima.

Tag

|